<[if gte IE]>
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator

  Clicca sulla news per l'approfondimento

Le ultime notizie del giorno

 

Ilva ‘olia’ i fornitori con 34 mln E-mail
News del Giorno

foto_1.jpg

“Nei prossimi giorni sarà disposto il pagamento degli arretrati alle imprese, utilizzando una quota del prestito ponte concesso dalle banche”. Lo ha dichiarato ieri l’Ilva in una nota dopo l’incontro di giovedì sera al Mise tra il ministro Federica Guidi, il commissario dell’Ilva, Piero Gnudi, e il presidente di Confindustria Taranto, Vincenzo Cesareo. La somma che l’Ilva metterà a disposizione delle aziende è di 34 milioni. “Il prestito ponte di 125 milioni di euro come prima tranche è stato concesso, su richiesta del commissario Gnudi, da un pool di banche al fine di garantire la continuità operativa e retributiva dell’azienda, e ha permesso il pagamento degli stipendi e dei premi dei dipendenti del Gruppo Ilva di competenza del mese di agosto, perfettamente in linea con le scadenze previste, e consentirà di proseguire le opere per l’adempimento delle prescrizioni Aia”.
 
Taranto nella tana di Lazic E-mail
News del Giorno

foto_3.jpgDifficilmente stavolta ci sarà il nubifragio che si abbattè lo scorso anno su Fracavilla sul Sinni l’1 dicembre e costrinse al rinvio a 10 giorni della partita. Non sarebbe forse un male per il Taranto ancora alla ricerca di se stesso, della migliore condizione dopo una partenza ad handicap da tutti i punti di vista. Quattro punti dopo due partite però sono un bottino buono viste le circostanze.
E proprio per non perdere terreno da chi, come Andria, Gallipoli e Bisceglie, stanno correndo forte, i rossoblu vanno nella tana di Lazic con la voglia matta di fare il colpo della domenica. Non sarà facile ma alla terza settimane di campionato è giusto attendersi qualcosa di più.

 
Blitz ‘Duomo’, chiesti due secoli e mezzo E-mail
News del Giorno

foto_2.jpg

Pesanti richieste di condanna al processo con rito abbreviato scaturito dall’operazione antidroga della guardia di finanza “Duomo 2011” che nel giugno del 2013 ha portato all’esecuzione di 34 misure cautelari richieste dalla procura antimafia di Lecce. Per 12 imputati l’accusa è di associazione mafiosa. Ieri il pubblico ministero Alessio Coccioli ha chiesto 268 anni di carcere per i 31 imputati che hanno scelto il processo con rito abbreviato davanti al gup di Lecce. Per altri 19 imputati, dopo il rinvio a giudizio decretato dal gup leccese Antonia Martalò, è già iniziato il processo. Fra questi anche il presunto capo clan Ignazio Taurino.

 


Advertisement


Advertisement


Advertisement


Advertisement

Area Abbonati

Inserisci i dati di accesso per leggere il nuovo numero del TarantoOggi:





Password dimenticata?

Sfoglia il giornale

Il nuovo numero del TarantoOggi è consultabile per tutti gli utenti solo dalle ore 16:00
copertina-tarantoggi.jpg

Cerca


   asca728x90.gif