<[if gte IE]>
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator

  Clicca sulla news per l'approfondimento
galdieri_banner__def.jpg

Le ultime notizie del giorno

 

E’ legge il decreto sull’Ilva e l’area di Taranto E-mail
News del Giorno

foto_1.jpg

L’aula della Camera ha approvato ieri il dl Ilva con 284 sì, 126 no e 50 astenuti (i voti contrari sono stati espressi da Movimento Cinque Stelle, Lega e Sel, mentre si sono astenuti Forza Italia e Fratelli di Italia). Il via libera è definitivo e quindi il decreto è convertito in legge. Subito dopo l’approvazione della Camera è arrivato puntuale il tweet del premier Renzi. “Approvato definitivamente decreto legge. Per Taranto (e per l’Ilva) riparte la speranza #lavoltabuona”.
Il decreto che consente l’operatività dell’amministrazione straordinaria - applicata all’Ilva, dallo scorso 21 gennaio, in base alla legge Marzano - ma soprattutto spiana la strada alla costituzione della new.co pubblica che tra alcuni mesi dovrebbe acquisire gli impianti e il personale dell’azienda dalla stessa amministrazione straordinaria.
New layer...
 
Parco delle Rimembranze…o della dimenticanza E-mail
News del Giorno

foto_3.jpgGli Amici di Beppe Grillo Taranto tirano fuori una vicenda che, sinceramente, sembra finita nel dimenticatoio, nell’oblio. Anzi, un luogo di Taranto splendido ma in completo abbandono che, se fosse nel mirino di amministratori saggi, potrebbe diventare un’area di grande attrazione. Il Meetup 192, infatti, parla del Parco delle Rimembranze, uno straordinario affaccio a mare ai piedi del Ponte di Punta Penna che un tempo fu meta di famiglie e innamorati, oggi invece sede ideale del degrado assoluto.
“Le giornate tarantine si colorano di primavera e le domeniche chiamano alle gite fuoriporta – ricordano gli attivisti pentastellati tarantini -.  Un momento di aggregazione e condivisione familiare che ci alleggerisce delle fatiche della settimana facendo dimenticare per una mattina o per un pomeriggio i mille problemi della nostra esistenza. Ancora riecheggiano le grida di quando si era bambini felici e spensierati nei prati o lungo le rive del nostro splendido mare azzurro in un passato non tanto lontano ma  da tutti rievocato.  Un gioco semplice tra amici come ‘manuel zozzò’, oramai abbandonato per far posto a cellulari e tablet, un correre dietro al fazzoletto cercando di portare a casa un punto per la squadra, due pietre a terra e un pallone, un filo tra due alberi  per sentirsi olimpionici dello sport”.

 
“Noi, trattati come tombaroli!” E-mail
News del Giorno

foto_2.jpg

L’associazione ‘Nobilissima Taranto’ non ci sta e replica alla nota della Soprintendenza Archeologica che, nei giorni scorsi, seppur senza mai citarla, ne aveva stigmatizzato il pensiero espresso nel corso di una conferenza stampa precedente. Pensiero, va detto, che ‘Nobilissima Taranto’ non faceva altro che conservare lo spirito collaborativo e costruttivo per una strategia complessiva degli Enti territoriali sul patrimonio storico del territorio, alla luce degli ultimi ritrovamenti archeologici nei pressi della raffineria Eni. La Soprintendenza, evidentemente, non l’ha mandata giù (ne abbiamo parlato) e spediva nelle redazioni una nota non firmata (meglio precisarlo). Ovvio che ‘Nobilissima Taranto’ non ci sta e ieri ha inviato una lettera al Soprintendente Archeologo per la Puglia Luigi La Rocca, a Maria Carolina Nardella della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Regione Puglia e, infine, al Ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini. Insomma, come si leggerà, è una lettera piccata nei confronti della Soprintendenza (o di chi ha inviato la nota non firmata alla stampa, aggiungiamo). La lettera dell’associazione porta la firma del presidente Carmine De Gregorio e del suo vice Giuseppe Leuzzi.
 


Advertisement


 


Advertisement


 

Area Abbonati

Inserisci i dati di accesso per leggere il nuovo numero del TarantoOggi:





Password dimenticata?

Sfoglia il giornale

Il nuovo numero del TarantoOggi è consultabile per tutti gli utenti solo dalle ore 16:00
copertina-tarantoggi.jpg

Cerca


   asca728x90.gif